educazione positiva

STRATEGIA EDUCATIVA POSITIVA NUMERO 2 E 3 DA USARE NEL 2022

Per questo mese di gennaio ho deciso di parlarti di 5 strategie educative che puoi usare in questo nuovo anno per trasformare la tua relazione con tuo figlio. E migliorare il vostro modo di stare insieme, la vostra comunicazione e il senso di serenità in famiglia.

Settimana scorsa abbiamo parlato dell’importanza di comprendere le motivazioni alla base dei comportamenti negativi.  Oggi parleremo della seconda e della terza strategia che ti propongo per trasformare il clima in famiglia. Nello specifico parleremo dell’importanza di essere sempre coerenti nell’applicare regole, routine e orari in famiglia. E di come smettere di usare uno stile educativo basato su premi e punizioni.

Tieni d’occhio il sito tutti i mercoledì di gennaio. Nelle prossime settimane analizzeremo in dettaglio le restanti strategie positive!

Strategia positiva numero 2: la coerenza

Questa credo sia in assoluto quella su cui tutti i genitori fanno molta fatica. Eppure è la chiave per risolvere la maggior parte delle difficoltà in famiglia. A partire dai problemi relativi al sonno dei bambini per arrivare a quelli relativi al cibo o ai comportamenti indesiderati.

Se in teoria tutti i genitori comprendono l’importanza di essere coerenti e applicare con costanza le poche regole che sono importanti in famiglia, la realtà è che essere coerenti è tutt’altro che semplice. Malgrado tutti i programmi e i buoni propositi le nostre routine saltano regolarmente. Una volta perché il bambino è a casa con il raffreddore, un’altra volta perché ci sono le vacanze o perché vengono degli amici a cena: diventa molto difficile dare continuità a regole e orari. Anche se non è semplice mantenere il controllo su questi cambiamenti dell’ultimo minuto, ti consiglio di mantenere invece una certa costanza rispetto alle regole, alle routine e agli orari che utilizzate in famiglia.

Orari regolari e costanti per un sonno garantito

Se durante la settimana tuo figlio va sempre a letto alle 20.30 (sì, e lo raccomando per tutti i bambini fino a 11 anni, e anche prima per quelli più piccoli di 8 anni) non c’è motivo di modificare troppo questo orario durante il fine settimana o le vacanze. Più i bambini sono piccoli e più hanno bisogno di un ritmo costante.

Ma vale anche per le routine di preparazione del mattino. Se durante la settimana chiedi a tuo figlio di rifarsi il letto e vestirsi prima di fare colazione, tutto sarà più semplice se mantieni il ritmo anche durante il weekend per evitare di trovarti di fronte ad un mulo con i piedi piantati per terra il lunedì mattina!

Regole ferme e costanti sull’uso dei dispositivi

La stessa cosa vale per l’uso dei vari apparecchi tecnologici. Vero e proprio incubo di tutti i genitori di adolescenti e preadolescenti. In generale faremmo molto meglio a portarli in natura per favorire uno sviluppo psicologico e fisico armonico,  ma dato che le tecnologie fanno parte della nostra vita quotidiana meglio usarle con regole chiare.

Assicurati di aver stabilito regole chiare sull’uso dei dispositivi e di aver parlato a tuo figlio delle conseguenze del non rispetto di queste regole. Quando tuo figlio si “dimentica” o non rispetta le regole è fondamentale che si verifichi ogni volta la conseguenza stabilita con tuo figlio. Ricordo qui che le conseguenze non sono punizioni. E in generale, se ti impegni costantemente per aiutare tuo figlio a sentire la vicinanza emotiva con te e ad avere un senso positivo del suo ruolo nel mondo, ti troverai raramente a dover ricorrere alle conseguenze!

Strategia positiva numero 3: smettila di usare premi e punizioni

Se ancora non hai fatto consulenze con me farai fatica a capire perché sostengo che l’uso dei premi e delle punizioni non serve a molto. Mentre è chiaro come le punizioni danneggino la relazione con tuo figlio, lo è meno l’effetto negativo dei premi per crescere i figli. Di fatto l’idea di premiare tuo figlio può sembrare positiva. Ti invito però a riflettere sul fatto che in realtà prepara la strada per avere un figlio piuttosto viziato. Inoltre, ha un effetto negativo sulla sua motivazione a collaborare con te.

Educare attraverso l’uso dei premi è inefficace e funziona bene solo a breve termine; mentre come genitore sono certo che anche tu hai obiettivi a  lungo termine. E desideri che tuo figlio diventi un adulto felice, responsabile, integro e capace di sviluppare i suoi talenti.

Pensaci un attimo! Se oggi lo premi con un cioccolatino perché nella sala d’attesa del medico è stato seduto e tranquillo, cosa credi che succederà la prossima volta che hai bisogno che aspetti tranquillo da qualche parte? Come minimo un cioccolatino, giusto? Ma forse anche due e così via ogni volta che avrai bisogni che stia tranquillo ad aspettare mentre svolgi alcune delle tue incombenze.

Numerosi studi che mostrano come i bambini che vengono premiati per svariate attività e comportamenti finiscono per perdere interesse in quell’attività.

Ma allora come lo educo?

Quando comincio a parlare di quanto siano inutili premi e punizioni, i genitori che mi trovo davanti durante le mie sessioni di consulenza cominciano a friggere sulla sedia. “E adesso come lo educo!? Come ottengo che mi ascolti?”.

E qui si apre un capitolo super interessante che sono certa ti permetterebbe di trasformare la tua vita in famiglia. Di riuscire a stabilire quel clima di calma, gioia, serenità e fiducia che ogni genitore desidera costruire con i suoi figli. Se davvero desideri diventare il genitore che hai sempre sognato di essere, prenota al più presto la tua sessione di consulenza con me telefonando al numero 333.3790986 o scrivendo via mail a info@thefamilytrainer.com.

Il prossimo passo da fare?

Iscriviti alla mia newsletter per ricevere consigli e suggerimenti per creare una famiglia più serena e tranquilla e diventare il genitore che hai sempre sognato di essere.

Iscriviti al mio canale youtube e attiva le notifiche per essere sempre informato quando pubblico un nuovo video su argomenti relativi all’essere genitore per figli da 0 anni all’adolescenza!

Passaparola con altri genitori in difficoltà. In questo modo tanti genitori potranno avere la possibilità di costruire una famiglia serena in cui ogni componente possa esprimere il suo potenziale!

 

Potrebbe interessarti anche